Le icone del desktop:

 

 

Il cestino.

 

Questo testo fa parte di una serie di lezioni, che, anche se chiamate cosi',

non sottintendono, da parte dell'autore, di fare da maestro a nessuno.

L'autore intende, con questo scritto di dare una mano ai non  vedenti che

ancora utilizzano il dos e che intendono passare al sistema operativo

Windows.

L'idea e la realizzazione e' avvenuta  nell'ambito della lista tecnica

Uictech.

Tutto il materiale confluira' in una pubblicazione unitaria che verra' messa

gratuitamente a disposizione di chi vorra' fruirne.

 

Copyright (c) 2002 Nunziante Esposito

E' garantito il permesso di copiare e distribuire questo documento, a patto

di non modificarne il contenuto, seguendo i termini della GNU Free

Documentation License, Versione 1.1 o ogni versione successiva

pubblicata dalla Free Software Foundation, con la Sezione Non Modificabile

"Premessa"

Una copia della licenza č reperibile all'indirizzo

http://www.gnupg.org/gph/it/html/gfdl-it.html

 

* * *

 

Prima di continuare il discorso sui files e cartelle, facciamo una parentesi

che, oltre a farci imparare qualcosa di nuovo, ci occorre anche per

predisporre il sistema alle nostre esercitazioni.

In pratica, dovremmo svuotare il cestino da tutto quello che abbiamo

precedentemente cancellato.

Avviato il computer, con il solito tab, vi portate sul desktop e vi

posizionate sull'icona cestino, usando le frecce direzionali oppure premendo

la lettera c.

Una volta posizionati su detta icona, con uno dei due modi visti, premete

invio ed aprirete il cestino.

La prima cosa che vi sarete chiesti, cosa e' questo cestino.

Ecco la risposta:

In  dos, con il comando delete si cancellano i files e si recuperano con il

comando undelete.

 in Windows, si cancellano i files e le cartelle con il tasto canc e si

ripristina, la cancellazione, recuperando i files e le cartelle dal cestino.

Apparentemente puo' sembrare piu' complicato, ma vedrete che e' molto

semplice.

Se avete selezionato l'icona cestino e avrete premuto invio, si e' aperta la

cartella cestino.

Questa cartella, che in assenza di cancellazioni troverete vuota,  accoglie

files e cartelle che vengono cancellate, dando la possibilita' di poterle

recuperare.

Innanzitutto, a differenza del dos, come avrete gia' capito, si possono

recuperare anche cartelle, le quali, ripeto,  non sono altro che le

directory che conoscete benissimo.

Per curiosita', la cartella che fa' le funzioni di cestino, si chiama

recycled e si trova nella directory principale di ogni disco rigido. Sul mio

disco diviso in C e D, mi ritrovo due cartelle recycled una in C e un'altra

in D.

 

Ora vediamo nei dettagli la cartella che, ripeto, si tratta di una

directory, precedentemente aperta: "il cestino".

Se, precedentemente,  non sono state fatte cancellazioni, di files o di

cartelle, il cestino lo troveremo vuoto.

Per quanto riguarda le sintesi:

jaws dira' zero elementi, oppure il nome del primo elemento non selezionato.

Hal vi dira', invece, il nome del primo elemento del cestino, senza dire che

non e' selezionato.

Se e' vuoto, all'apertura, dira' solo cestino.

Per tutte e due le sintesi, basta muoversi con le frecce per rendersi conto

di quello che si trova nel cestino e automaticamente si attiva l'elemento

pronunciato.

La prima cosa da fare e' ingrandire la finestra a tutto schermo: alt piu'

barra spaziatrice, freccia giu' fino a ingrandisci, premere invio e il gioco

e' fatto.

Da questo momento, la cartella cestino, si aprira' sempre ingrandita. Questa

predisposizione ci serve per non avere interferenze sullo schermo quando si

esplora e poter leggere la barra di stato con i comandi appositi delle

sintesi.

Questa operazione di ingrandimento, la si effettua una sola volta, alla

prima apertura della cartella.

 

Per default, la visualizzazione degli elementi, in una cartella aperta per

la prima volta, come gia' detto, e' fatta ad icone.

Queste, sono disposte sullo schermo come le icone del desktop, mentre a noi

serve poterle visionare in ordine alfabetico continuativo e, quindi,

dobbiamo predisporre la visualizzazione ad elenco.

Cosa significa?

Gia' lo sapete, ma ripetere non fa male a nessuno.

Significa che, il contenuto della cartella, sara' visualizzato in ordine

alfabetico, prima le cartelle e poi i files, disposti uno di seguito

all'altro in un elenco che si scorre dal primo elemento fino all'ultimo con

la freccia giu' e viceversa con la freccia su'.

Per predisporre la visualizzazione come suddetto, useremo il comando da

tastiera, ma subito dopo vedremo come si accede a questo comando dai menu'.

Il comando non e' altro che la seguente successione di tasti:

alt, v, e.

Questa operazione di visualizzazione, ripeto, la si effettua una sola volta,

alla prima apertura della cartella.

 

Molti comandi di menu', generalmente quelli piu' usati, ci forniscono i

comandi da tastiera, direttamente nei menu', a corredo del comando stesso.

Altri comandi, come quello suddetto, si ricavano dalla pressione consecutiva

dei tasti che fanno le stesse operazioni di spostamento che facciamo con le

frecce ed invio.

Per analogia con il Dos, direi che e' come se usassimo un file batch al

posto di una sequenza di comandi ripetuti.

 

Vediamo ora la barra dei menu', i menu' ed i tasti usati per accedere al

loro interno e poter scegliere i vari comandi in essi contenuti.

Si accede alla barra dei menu con il tasto alt, operazione che e' uguale per

tutte le cartelle e tutti i programmi che utilizzeremo.

Con le frecce orizzontali passeremo alle voci che sono:

File (appena apriamo), modifica, visualizza, vai, preferiti  e punto di

domanda.

Sia Hal che Jaws, ci informano che queste voci hanno un sottomenu'.

 

In questo caso, per questa cartella, ci interessano i due menu' file e

visualizza.

Questi due menu' li troveremo in qualunque cartella e anche nella maggior

parte dei programmi utilizzati.

Vediamo subito il menu' visualizza.

 Come dicevamo, con alt apriamo i menu' e con freccia destra ci posizioniamo

su visualizza.

Con freccia verticale apriamo il menu', posizionandoci sulla prima voce che

e' barra degli strumenti e la sintesi ci avvisera' che questa voce ha un

sottomenu'.

In questa cartella, ci interessano solo alcune voci che troveremo con le

frecce verticali, ma vi ricordo che per entrare in un sottomenu', si usa la

freccia destra.

Scorrendo le voci del menu' visualizza, con le frecce verticali, troveremo:

icone grandi, icone piccole, elenco e dettagli.

Ho elencato le quattro modalita' di visualizzazione degli elementi, ma in

realta' ci interessano solo le due voci elenco e dettagli.

Se precedentemente avete premuto la sequenza di tasti suddetta

Alt, V, E

troverete la voce elenco attivata.

L'altra voce, dettagli, serve a visualizzare i dettagli delle cartelle e dei

files che abbiamo in elenco.

Per fare una analogia con il dos, con dettagli leggiamo tutte le notizie dei

files e cartelle che abbiamo quando diamo il comando dir, mentre con la

visualizzazione in elenco, e' come quando diamo il comando dir /w.

La visualizzazione ad icona, sia grandi che piccole, non sono consigliabili.

Le altre voci del menu' visualizza di questa cartella, non le ho mai usate.

Vediamo ora il menu' file.

Con alt apriamo la barra dei menu' e la sintesi ci dira' file, sottomenu'.

Con freccia giu' apriamo il menu' file posizionandoci sulla voce  svuota

cestino che non e' disponibile, come tutte le altre, se il cestino e' vuoto.

Se nel cestino ci sono degli elementi precedentemente cancellati, ma nessuno

di essi e' selezionato, l'unica voce usabile del menu' e' solo svuota

cestino, mentre le altre sono tutte disattivate.

Quando nel cestino ci sono files o cartelle presenti e almeno uno degli

elementi e' selezionato,all'apertura del menu' file ci troveremo su

ripristina. Premendo invio su questa voce, si ripristina, nella posizione

originaria  il file o la cartella precedentemente cancellati e che in quel

momento e' selezionato.

La selezione di un file o di una cartella avviene nel momento in cui con la

freccia verticale ci posizioniamo su di esso e, la sintesi, ne vocalizza il

nome.

Nelle lezioni precedenti abbiamo visto come selezionare piu' elementi

contemporaneamente, sia in modo contiguo, sia sparsi nell'elenco.

Quando sono selezionati piu' elementi, i comandi che daremo, agiscono su

tutti gli elementi.

 

Al secondo posto troviamo la voce svuota cestino, dove, premendo invio, come

si sara' sicuramente intuito, svuoteremo il cestino.

Questo comando e' come il deltree del dos e non si possono recuperare le

cose cancellate se non si usano dei programmi appositi.

Un'altra voce che ci interessa e che raggiungiamo sempre con la freccia

verticale, e': elimina.

E' intuitivo che premendo invio su questa voce si elimina quello che e'

selezionato in quel momento.

Un'altra voce che ci interessa, ultima di questo menu' ad interessarci, e'

la voce proprieta'.

Premendo invio su questa voce, avremo le indicazioni delle proprieta'

dell'elemento selezionato.

In pratica, avremo notizie della provenienza del file o della cartella

presenti nel cestino.

Questo comando ci serve, e capita spesso, quando dimentichiamo la

provenienza di quello che staziona nel cestino.

 

A questo punto non ci resta che fare delle prove, cosa che faremo subito,

visto che nel cestino abbiamo messo alcuni files che dobbiamo togliere,

poiche', per continuare le altre esercitazioni, ci occorre il cestino vuoto.

Posizionatevi su un file qualunque usando le frecce verticali.

Aprite il menu'  con alt, con freccia giu', raggiungete la voce elimina e

con invio confermate l'eliminazione dell'elemento selezionato.

Ora facciamo la prova ad eliminare due elementi contigui, cosa che dovreste

aver gia' capito come fare.

Infatti, si selezionano due elementi contigui e poi si eliminano con il

comando appena visto.

Posizionatevi su un file.

Premete shift piu' freccia giu' una sola volta, per selezionare due

elementi.

Aprite il menu'  con alt, con freccia giu', raggiungete la voce elimina e

con invio confermate l'eliminazione degli elementi selezionati.

Per eliminare elementi non contigui, si puo' scegliere di eliminarli uno per

volta, oppure, come certamente ricorderete, si selezionano usando control,

barra spaziatrice  e frecce verticali, e poi si eliminano in un colpo solo.

Ricordo a chi usa Hal, che il control e' quello di destra.

Vi ricordo che, con control premuto, si possono scorrere gli elementi con le

frecce verticali senza effettuare selezioni, operazione che si ottiene

premendo la barra spaziatrice.

Per svuotare completamente il cestino, si fa cosi':

Premete alt e con freccia giu' portatevi su svuota il cestino.

Premete invio e confermate le cancellazioni.

Il sistema operativo, controlla sempre le operazioni che fate e vi avverte

che state cancellando qualcosa.

Ricordatevi che, nonostante tutti gli avvisi, spesso si cancella quello che

poi puo' risultare utile.

questo, per dirvi che, lo svuotamento del cestino, deve sempre essere fatto

con cautela.

 

Abbiamo finito queste esercitazioni, quindi, chiudete la cartella con alt

piu' f4.

Vi ricordo che per chiudere il computer non si puo' spegnerlo dal pulsante

dell'alimentazione direttamente, ma eseguendo la procedura di spegnimento

che

abbiamo piu' volte visto e che, spero, abbiate gia' imparato.

 

Ciao, a presto.

Nunziante Esposito

indirizzi di posta:

Nunziante@inwind.it

nunziaante@supereva.it

telefono:

349 67 23 351

339 20 26 516

 

E-mail: giuseppe.servidio1@alice.it

 

Cell: 3 35 80 82 0 02.